Primo Volpi in famiglia

Primo Volpi con la moglie

A Nizza con Bobet

 

Biografia di Primo Volpi

Entrambe le giovani promesse furono invitati da Pavesi a correre il Giro di Lombardia come gara di prova per il passaggio tra i professionisti. Si incontrarono al ristorante “il Pidocchio Rosso” di Milano per prendere accordi per il passaggio alla Legnano e soprattutto per la tattica da usare in gara al Giro di Lombardia a sostegno di Bartali. In tale contesto Volpi, consapevole dei propri talenti, disse che il giorno dopo, in corsa, avrebbe staccato Bartali in salita. E cosi fu! A cinque chilometri dalla salita del Ghisallo, Volpi inizio ad attaccare fino a rimanere solo e a vincere il traguardo della montagna. Sorte volle, anche questa volta, che si rompesse la ruota anteriore e che dovesse attendere per diversi minuti prima di avere un cambio ruota. Il gruppo intanto lo aveva ripreso e superato. Volpi arrivo ventiduesimo e Bartali vinse, grazie anche all’azione travolgente del suo nuovo compagno di squadra.
Entrato nel mondo dei professionisti Volpi si trasferisce per 9 mesi l’anno a Torrenieri, per essere piu vicino alla citta e per potersi allenare meglio. Il legame con il podere “Cerretello” e con la famiglia rimase comunque sempre molto intenso e non appena era libero da impegni di lavoro, correva a casa da genitori e fratelli.
A Torrenieri Volpi era molto ammirato dalle ragazze del posto sia perche era persona distinta ed elegante e molto ironica sia perche nell’immaginario collettivo rappresentava gia l’idolo sportivo da seguire ed emulare.In quel periodo fra le varie conoscenze, Volpi inizio a frequentare la Sig.na Milada Poggialini. I due si innamorarono quasi subito e nel 1941 decisero di convolare a nozze. Dopo il viaggio di nozze romano, la giovane coppia si trasferi in pianta stabile a San Quirico d’Orcia.
Il 1940 fu anche l’anno del vero e proprio debutto di Volpi nel professionismo con i colori della Legnano. E’ in quest’anno che partecipa al suo primo Giro d’Italia.

 

....

   

 

..